NUOVO ISEE, FALSI POVERI ADDIO

Prima bastava l’autocertificazione. Al momento di compilare il modulo, l’80% delle persone dichiarava di non avere neanche un conto in banca, il 70 % di non avere una casa di proprietà. Adesso lo Stato non si fida più sulla parola. Usa le banche dati, incrocia le informazioni, controlla. E fa bene, evidentemente. Perché le persone senza un conto in banca e senza una casa di proprietà sono precipitate verso un più ragionevole 14,1%.

La riforma

Sono i risultati del nuovo Isee, l’indicatore della situazione economica equivalente, secondo il rapporto 2015 del ministero del Lavoro. Lo chiamiamo tutti riccometro, perché «pesa» la ricchezza delle famiglie sotto forma di stipendi, risparmi, immobili. E viene usato per costruire quelle classifiche che stabiliscono chi, e a quale prezzo, ha poi diritto ai servizi sociali come le case popolari, gli asili nido o le mense scolastiche gratis. Tra mille polemiche, e con qualche ripensamento in corso d’opera, le regole sono state cambiate dal governo Letta e il 2015 è stato il primo anno di applicazione del nuovo sistema.

Un po’ più ricchi

Oltre allo stop alle autocertificazioni, adesso nel calcolo gli immobili pensano più di prima. Il risultato è che il nuovo Isee ci vede un po’ più ricchi. Il valore medio è passato da 10.800 a 11.311 euro, anche se è salita leggermente (dal 10 al 10,8%) la fetta di Isee pari a zero, in sostanza famiglie nullatenenti. «Siamo di fronte a uno strumento più equo e veritiero — dice il ministro del Lavoro Giuliano Poletti — che facilita l’accesso alle prestazioni a chi è davvero più bisognoso». In realtà non tutti sono d’accordo. Gigi De Palo – presidente del Forum delle associazioni familiari – riconosce che il nuovo Isee «può essere più efficace nella lotta all’evasione». Ma poi aggiunge: «Siamo proprio così sicuri che sia anche più equo?». Secondo il Forum, il metodo di calcolo non valuta in modo realistico l’effettivo impatto del costo dei figli al crescere delle loro numero. Il ministero risponde che dalla riforma hanno beneficiato le famiglie che lavorano, rispetto a quelle che godono di una rendita come una casa data in affitto. E, in particolare, i lavoratori dipendenti rispetto agli autonomi. Ma a farsi sentire è ancora la coda delle polemiche accese nei mesi scorsi.

Il costo per gli studenti

A protestare contro il nuovo Isee erano state due categorie: le famiglie degli studenti universitari e quelle con disabili a carico. Per gli universitari, in effetti, il nuovo Isee è più alto in media del 5%. Probabilmente la causa sta nel maggior peso degli immobili nel calcolo dell’indicatore. Per i disabili la situazione è più complicata. Con il nuovo Isee sono raddoppiati i nuclei con l’indicatore pari a zero, ma sono anche aumentate quelli che superano la soglia dei 20 mila euro. È tutto da rifare, però. Dopo una lunga serie di ricorsi, a gennaio sono state cancellate le norme che facevano entrare nel calcolo tutte le entrate delle famiglie, comprese le indennità di accompagnamento. Ma per trovare traccia della modifica nel riepilogo del ministero bisognerà aspettare ancora qualche mese.

FONTE CORRIERE DELLA SERA : http://www.corriere.it/economia/16_ottobre_04/riccometro-nuove-regole-il-governo-diminuiti-falsi-poveri-4d95d0b6-8a64-11e6-8935-fd9af6958684.shtml?refresh_ce-cp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *