SANZIONI F24 CON SALDO ZERO

L’omessa presentazione del modello F24 con saldo a ZERO può essere regolarizzata, in virtù del ravvedimento operoso, tramite il pagamento di una sanzione ridotta da versare con codice tributo “8911”.

Qualora il modello F24 risulti con saldo ZERO, per effetto di una o più compensazioni, rimane comunque l’obbligo di presentare la delega all’Agenzia delle Entrate entro la scadenza anche se concretamente non è dovuto alcun versamento.

Infatti, il modello F24 a ZERO, deve essere sempre presentato e trasmesso telematicamente da tutti i contribuenti, titolari o meno di partita Iva. 

Ai sensi dell’articolo 15, comma 2-bis, D.lgs. 471/1997, modificato dal D.lgs. n. 158/2015, per l’omessa presentazione del modello F24 con saldo ZERO, è prevista l’applicazione di una sanzione pari a:

  • 50 euro se il ritardo non è superiore a cinque giorni lavorativi;
  • 100 euro se il ritardo è superiore a cinque giorni lavorativi.

Tuttavia, è possibile regolarizzare questa violazione ricorrendo all’istituto del ravvedimento operoso. In tal caso è necessario:

–    presentare spontaneamente il modello F24 omesso in precedenza;

–    versare una sanzione ridotta, pari a:

  • 5,56 euro (1/9 di 50 euro), se il modello F24 viene presentato entro cinque giorni dall’omissione;
  • 11,11 euro (1/9 di 100 euro), se il modello F24 viene presentato entro novanta giorni dall’omissione;
  • 12,50 euro (1/8 di 100 euro), se il modello F24 viene presentato entro un anno dall’omissione.reddit_dichiarazione_f24_fotolia-u2043791248622h-835x437ilsole24ore-web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *